Una domanda per voi che avete votato Movimento Cinque Stelle 184


Cinque anni fa il Movimento Cinque Stelle si rifiutò di votare Grasso alla presidenza del Senato.
Piero Grasso, in qualità di Procuratore di Palermo, aveva fatto arrestare quasi 1.800 criminali per reati di mafia, alcuni dei quali pericolosi latitanti. Diventando successivamente procuratore nazionale antimafia aveva sgominato diverse altre cosche e contribuito in maniera decisiva all’arresto di Provenzano. Però Grasso no, non andava bene, guai a scendere a compromessi con questo losco figuro, reo non si sa bene di cosa se non di essere una persona per bene che aveva sempre svolto in maniera ineccepibile il proprio lavoro.

Qualcuno all’epoca azzardò: se non sappiamo distinguere fra Grasso e Schifani (l’altro candidato) abbiamo un problema.
Furono in tredici a pensarlo e di tutti Grillo chiese la testa, tuonando pubblicamente dal Sacro Blog, accusandoli di alto tradimento e intimando loro di dimettersi. Questo accadeva per Piero Grasso.




Oggi invece quello stesso partito ha votato compattamente la Casellati, fondatrice di Forza Italia e amica personale di Ghedini, una berlusconiana di ferro che non solo ha avallato tutte le peggiori porcate ad personam del ventennio dell’ex cavaliere ma lo ha strenuamente difeso perfino dopo la condanna definitiva per frode fiscale, cercando in tutti i modi di evitare la sua decadenza da senatore (presentò come prima firmataria ben quattro ordini del giorno adducendo risibili vizi di forma). Sì, oggi il Movimento Cinque Stelle ha eletto all’unanimità una persona che di fronte al popolo italiano, con totale sprezzo del ridicolo, votò in Parlamento che Ruby, la notte del 27 maggio 2010, era per lo Stato italiano la nipote di Mubarak e che le sette telefonate di Berlusconi in Questura a Milano per farla rilasciare erano TELEFONATE DI STATO.
Però Grasso no, non lo si poteva votare.

Ecco, la mia domanda, rivolta soprattutto a tutti i sedicenti “di sinistra” che hanno votato questi cialtroni è:
perché Grasso no e la Casellati sì?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

184 commenti su “Una domanda per voi che avete votato Movimento Cinque Stelle

  • Antonio

    Io ho votato Potere al Popolo pensando (forse a torto) che potrebbe essere il contenitore di tutte le anime della sinistra (Quella vera), rispondo: Normale Grasso in quel momento era l’espressione del PD che abborravano e con cui oggi lo avrebbero preferito a Salvini, oggi il vento è cambiato si deve governare e la coerenza non è mai stata del M.5.S. Non voterò mai quel movimento poiché oligarchico (Grillo-Casaleggio) e antidemocratico (Personaggi votati e tolti d’imperio dal direttivo), inoltre le ultime affermazioni di Grillo simo di tutti: Democristiani etc. fanno ritornare alla mente: “L’Uomo qualunque” (Vedi qualunquismo) Ecco spiegato perché si la Casellati e no Grasso.

    • Fabio

      Più semplicemente:
      É facile fare i duri e puri quando il tuo NO non conta una beneamata minxxia, quando invece hai i numeri che ti consentono di trattare, nel senso più becero del termine, allora ti fai andare bene pure il figlio di Satana.

  • angelo colangelo

    Una domanda da girare anche a Marco Travaglio, che certamente fornirà una risposta convincente e coerente con le sue granitiche convinzioni.

  • Gian Luca

    Aver lavorato all’antimafia non vuol dire essere capaci a fare politica, questo non è un discorso di onestà. Inoltre siamo in democrazia e non in dittatura, si vota chi si vuole, non chi decidete voi. Dimostrate l’onestà di grasso e della Boldrini, se sono coerenti e non vivete di pregiudizi, sennò avete due alternative, prendere il potere con la forza e rifare le elezioni con in unico candidato e con la firma del votante o con un voto pubblico

    • Julio Sagenev

      Hahahaha bellissimo commento-parodia di come risponderebbe un grillino medio a questo articolo (Aver lavorato all’antimafia non vuol dire essere capaci a fare politica – detto da chi vuole un venditore di bibite ambulante come PdC. Poi la parte del riferimento al despotismo è meravigliosa.

    • Pasquale

      Aver lavorato all’antimafia però mi fa sentire più tranquillo rispetto a chi ha lavorato in un call center. Un conto è l’ordinamento dello stato un altro vendere una Vodafone station, ma tant’è. Se non è un discorso di onestà, tanto valeva eleggere romani che da pregiudicato con la politica ci sa fare. È vero siamo in democrazia purtroppo, ma questo non autorizza il rutto libero: ossia chiedere conto dell’onestà di grasso quando la casati ha fatto assumere la figlia al ministero di cui era sottosegretario.

      • Aviatore

        Se avesse letto la storia di Grasso raccontata da Travaglio, non direbbe certe cose. Grasso ha solo “sfiorato” il problema mafia, MAI lo ha preso di punta. Anzi ha proposto Berlusconi per la medaglia d’oro antimafia!! E non illudetevi, la cattura di Provenzano FU OFFERTA dalla mafia, nessun atto di eroismo per Grasso, che se ne vanta oltre i suoi meriti. A nessun grillino piace la Casellati, ma il ceffone che ha subito Berlusconi e il probabile allontanamento di Brunetta e Romani sono un bene per la nazione. Il 5S lavora anche per voi, anche se non riuscite a capirlo. Mi spiace per voi.

        • Orazio

          Ignorante, nel senso che ignori, vatti a leggere su Wikipedia, visto che sai usare il cellulare, qualcosa sul maxiprocesso dove il giudice a latere di quel processo fu proprio Pietro Grasso che condanno oltre 400 mafiosi del calibro di Liggio, Reina, Provenzano, Santapaola, Greco ecc. E ti pare poco? E non ascoltare le baggianate di Marco travaglio.

          • Sandra Bernardi

            ecco, caro amico una preghiera: non lavorare per me! tantomeno i 5s., sandra

        • Marco

          Quanto affermi è una bufala, nel senso che gli è stata tirata fuori con le unghie dai soliti della “Zanzara”, ma soprattutto è profondamente parziale. Volevano che dicesse che il governo Berlusconi meritasse una medaglia per il contrasto alla mafia. Lui risponde chiaramente che gliela darebbe per la legge per le confische dei beni dei mafiosi, ma SOLO PER QUELLA.
          Non per quello che riguarda tutti gli altri aspetti: le richieste che i magistrati facevano sono state completamente disattese, come le norme sull’autoriciclaggio, sulla corruzione e un aggravamento dei reati fiscali.

      • Aviatore

        Perché Grasso non ha mai affondato veramente i colpi contro la mafia, i)svilendo il lavoro fatto da Caselli a Palermo, ii)riscuotendo la riconoscenza dei berlusconiani che lo hanno fatto poi eleggere procuratore nazionale antimafia estromettendo CON UN DECRETO AD HOC lo stesso Caselli iii) e ha disinnescando poco a poco a Palermo il metodo Falcone. Ecco perché.

    • x

      “Dimostrate l’onestà di grasso e della Boldrini” No scusami eh, non è l’onesta che va provata, ma la disonestà, dover provare l’onestà è contro ogni principio di diritto, se sono disonesti provalo, dai, vediamo.

  • ANGELO FALBO

    …,…i 5stelle?….sono scesi dalle nuvole…e sono caduti, politicamente e moralmente, in una cloaca!….Non hanno saputo onorare il loro codice ….imponendo una scelta di persona rappresentativa di comportamenti nuovi…hanno preferito subito la poltrona…
    Qualcuno aveva affidato loro un qualche mandato di coerenza?
    Ha sbagliato gravemente….

  • Giordano

    Ma oggettivamente…cialtroni o no per chi altro potevano votare gli italiani ?? Ancora Renzi???ancora Berlusconi??? per la Meloni? Disperdere voti dandoli a partiti che si sapeva avrebbero preso percentuali ridicole? Fare a meno di votare? Basta guardare quanti voti ha preso Salvini per capire che la gente non sapeva proprio dove sbattere la testa.

    • Carlo

      Non sapere dove sbattere la testa non può essere una argomentazione accettabile per chi consapevolmente va a votare. La scelta deve essere ragionata e, appunto consapevole, altrimenti è un salto convinti di avere il materasso ed invece sotto c’è salvini che te lo toglie.
      Pentastellini adesso tenetevi salvini

      • Dan

        Ma quale scelta ragionata e ragionata se il Pd ha vinto per anni solo perché era “il meno peggio” e la maggioranza degli elettori lo votava turandosi il naso? Ma di che stiamo parlando….

  • Daniele Vincenzi

    Il Movimento 5 Stelle è una forza giovane.
    E’ partito con convinzioni granitiche rimaste fino alla scorsa legislatura.
    Ha accusato praticamente TUTTI gli altri partiti di essere delle bande di mascalzoni (e se faceste un minimo di autocritica di qualunque partito siate dovreste ammettere che avevano ragione: la sinistra si comporta da destra, ci fa un accordo, scandali di cooperative… io sono di Ferrara roccaforte rossa da TROPPI anni e ti assicuro che è una lobby, non è un partito! Di Forza Italia non ne parliamo… dovrebbe essere una succursale del carcere!!) e si è RIFIUTATO di parlare con tutti.
    ECCO probabilmente il perchè NO A GRASSO: il suo problema probabilmente era di rappresentare il PD.
    Ma questo cosa ha portato?
    Che il M5S, allora secondo partito se non erro, in quella legislatura NON HA CONTATO NULLA.
    Quello che sembrava impossibile, e cioè che destra e sinistra si accordassero, non è successo: La sinistra e la destra UNITI.
    Una considerazione: non vi sembra “stranino”? Due ideologie OPPOSTE che governano.
    Che l’ideologia non fosse che un pretesto per avere il potere era un dubbio che doveva assalire più persone, secondo me…
    In ogni caso il M5S non è contato nulla.
    Con queste posizioni così rigide o si ottiene il 51% oppure il sistema IMPONE di scendere a compromessi se si vuole realizzare qualcosa di concreto.
    Ora concludo:
    E’ tutta la giornata, e dal tuo post mi sembri dello stesso pensiero, che leggo critiche al M5S per aver votato quella macchietta proposta da Forza Italia.
    Non una nota, non una critica, su Forza Italia che l’ha proposta.
    Ne una critica sulla candidatura precedente di un condannato.
    E’ anche vero che trovarne uno chenon sia scemo o condannato là è difficile…
    Comunque il M5S si è contraddetto e si deve vergognare!
    Vantavano tutta questa onesta e invece non ce l’ha!
    Dovreste aggiungere anche “E’ come tutti gli altri! E come ME!!!!!…”
    La sai la verità? Credo proprio che il M5S si vergogni eccome per l’appoggio alla Casellati.
    Ma ti ricordo che la destra non si è neppure vergognata a candidare questi due tizi e che la sinistra (che dovrebbe rappresentarne l’ideologia opposta!) non ha avanzato UNA SOLO CRITICA A QUESTE CANDIDATURE.
    Per accusare i 5 Stelle di incoerenza però ha deciso di parlare.
    Renzi ha sparato più balle di chiunque ma non importa: il movimento 5 Stelle si è contraddetto!!!
    Come dicevo per governare con questo sistema o hai il 51% o devi scendere a compromessi.
    Per il M5S i compromessi sono “magoni” da mandare giù.
    Ma vi faccio notare che chi oggi sta avanzando critiche all’elezione della Casellati o ce la aveva tra le sue fila o ci ha stretto un patto la scorsa legislatura senza alzare neanche una piccolissima critica.
    Se foste dotati di un pochino di serietà ritengo facciate una figura migliore a tacere…

    • pietro

      Per quanto lungo lei possa scrivere un post, questo non trasformerà la cacca in cioccolata.
      Perché grasso no e sta berlusconiana si?

      • Paolo

        Ma dovevsiamo arrivati con i precedenti governi ? All’aumento dell’età per la pensione (e solo por i cittadini) allo sfacelo della sanità pubblica a inciucci per appalti mega, e non per case popolari, che almeno anche se c’erano inciucci, le case andavano ai poveri, hai ragione non confondiamo la merda con il cioccolato

      • Davide

        A me pare che abbia risposto, in modo chiaro e comprensibile a chi non ha le fette si salame davanti agli occhi, ed è capace di autocritica e ragionamento…
        Se poi vogliamo sparare tutti contro lo spaventapasseri, avanti…
        Ma aver paura dello spaventapasseri significa sentirsi dei passeri, e non quelle aquile che molti sono convinti di essere.

    • Alessio

      Chi critica i 5 stelle dopo un mese e’ ridicolo.
      Gente che Continua a votare sinistra o destra basati su ideologie post seconda guerra mondiale.
      Sono passati 60 anni, e avete portato l’Italia alla completa rovina economica e sociale, continuando a votare la stessa gente sempre e comunque per l’orgoglio di non vedere il proprio partito perdere. E’ l’ora di cambiare, punto e pasta. Chiunque e’ meglio di quello che c’è stato fino a adesso. L’importante e’ Provare a cambiare, siete stati zitti per 60 anni, ignorando tutte le mafie e corruzioni del vostro partito pur di non cambiare bandiera. Adesso vi lamentate? Ma state zitti e pensate solo a fare mea culpa per aver rovinato un gran bel paese. Lasciate provare qualcuno altro. Voi avete fallito.

      • Fabio

        Scusa ma 1) te non il pd forza italia berlusconi fanfani ….te proproio te? che hai fatto di cosi buono e diverso da essere assolto e innocente vittima negli ultimi 60 anni?
        2) i 5 stelle hanno fatto una scelta e come la democrazia impone uno scambio .. Quindi tale scelta è piu che criticabile e commentabile proprio per onore di democrazia
        3) le cose stanno in poco posto all’opposizione si può criticsre e insultare e giudicare anche ongi piccola incoerenza perché non si hanno responsabilità di governo…(ora lo fa il pd) al governo si devono fare accordi e scelte per onorare anche tale responsabilità e non solo i propri sondaggi (ora tocca au 5 stelle) … sai come si traduce il tutto in forma molto saggia ermetica e dialettale… “un po per uno im braccio alla mamma”

      • Giorgio

        Votare qiesto presidente della Camera è non voler cambiare nulla e voler rimanere nella seconda repubblica con tutte e due le scarpe

      • Franchino

        D’accordo con Alessio, dovreste vergognarvi, vi meritate gente che fa retorica e mafia che ha ridotto questo paese ad essere il più stupido d’europa, dove la gente sta con le pezze al culo e tutto intorno degrado e inciviltà, state li a puntualizzare con negatività e nichilismo ogni singola mossa di queste persone che forse credono ancora in qualcosa, in una qualità della vita degna di un paese civilizzato. L’avete capito o no che rispetto agli altri paesi europei stiamo indietro di decenni?
        Ancora a difendere queste false ideologie sterili, piene di retorica, abbiamo un occasione reale di cambiamento, di limitazione delle disuguaglanze, di indebolimento della casta politica! Questi temi e necessità sono molto più imporanti di queste stupide osservazioni.
        Che significa questa cosa di Grasso? è ovvio che senso aveva legittimare un partito di gente che non avrebbe fatto nulla d’interessante basta guardarli in faccia, non hanno idee, non hanno passione, non provano sentimenti sono solo bronci grigi incappotati seduti su delle poltrone a consumare sangue e soldi al paese.
        La casellati l’avete fatta salire voi che non credete nel cambiamento, i 5 stelle ne sono stati quasi costretti altrimenti sarebbero stati linciati per essere anti-democratici, anti-istituzionali, la forza al cdx non l’hanno votata loro.

    • Massimo Maniscalco

      Se i Grillini nella scorsa legislatura avessero stretto un patto col PD invece di lanciare cacca come fanno i macachi, la sinistra non avrebbe chiesto l’appoggio del centrodestra per governare.

      D’altronde, da un partito che ha iniziato con “Noi non ci alleiamo con nessuno, non facciamo inciuci etc.” e si sono vantati in lungo e in largo di questa loro ideologia, è giusto che si faccia notare che hanno appoggiato una persona estremamente peggiore di Grasso, solo per una questione di “inciucio” con il centrodestra.

    • Aspasia

      Sull’ultimo congiuntivo ho desistito.
      Il PD non si è mai posto come movimento antisistema, il M5S sì: tutto qui. È tutta qui la differenza che rende il M5S ridicolo.

    • x

      Quello che tu consideri “strano” era l’unico modo per formare un governo considerati i dati usciti dalle urne 5 anni fa, tra qualche giorno avremo lo stesso tipo di accordo tra i 5 stelle e la lega per gli stessi e identici motivi, ma prima lo chiamavate inciucio, adesso compromesso, la cosa “strana” sta tutta qui.

  • Matteo

    Nulla da dire sull’ipocrisia dei 5S che non votarono Grasso e oggi votano questo losco figuro. Concordo, è un gesto ipocrita, falso, sporco, dettato da pura convenienza politica: 5 anni fa il piano era stare all’opposizione e fare i duri e puri che odiano tutti, oggi l’obiettivo è fare politica per davvero (bene o male si vedrà).
    Il Partito Democratico è sceso a compromessi oggettivamente e ovviamente peggiori: qui si parla di eleggere una carica dello stato con poteri molto limitati, mentre se fai una legislatura con Alfano e Verdini e fai il patto del Nazareno è chiaro che il prezzo che paghi è ben peggiore.

    Quindi, assodato che c’è dell’ipocrisia dietro e l’ipocrisia fa schifo, sposto il discorso sull’attacco ai “sedicenti di sinistra”. Mi definisco di sinistra, a patto che con sinistra non si intenda il PD renziano degli ultimi anni. Non ho votato 5S, ma ci ho pensato molto seriamente e se si rivotasse valuterei, e non penso che questo intacchi in alcun modo il mio essere di sinistra.
    Questo non perché i 5S non siano ambigui su molti temi, non perché non mi faccia incazzare che non abbiano avuto il coraggio di votare una debolissima legge sulle unioni civili per cui si erano pure impegnati, non perché non mi faccia saltare i nervi la sequela di dichiarazioni francamente paraculo su migranti, euro o in generale qualsiasi cosa da cui si possano prendere voti. Il punto è chiedersi quali siano le alternative per chi non sia di destra.
    Il PD è diventato un partito che dell’arroganza ha fatto la propria bandiera. Il PIL cresce, poco ma cresce, e loro se ne bullano, mentre le persone sono sempre più povere e le vite sempre più difficili per il precariato portato avanti a colpi di Jobs Act e attacchi ai sindacati. Vengono fatte leggi elettorali incostituzionali insieme a Verdini e Berlusconi, senza preferenze e senza la possibilità di scegliere i parlamentari. La prima legge (scritta come se la loro malnata riforma costituzionale fosse già stata approvata; forse il singolo gesto più arrogante della seconda repubblica) era maggioritaria perché il PD era grosso e potente, la seconda ha invece preso ogni misura possibile per limitare i diretti avversari del PD (allora i 5S). Che le leggi elettorali, il cuore della nostra democrazia, vengano scritte con l’esplicito intento di avvantaggiarsi è mille volte più inaccettabile dell’elezione di chicchessia alla presidenza delle camere. Sono state prese iniziative contro gli “indecorosi”, e il nuovo slogan del PD, che a lungo era stato quanto meno civile sul tema dell’immigrazione, è diventato il renziano “aiutiamoli a casa loro”. L’intero operato di Minniti, persona senz’altro preparata, non ha nulla di sinistra. Potrei andare avanti con la Buona Scuola che regala braccia al McDonald’s, ma credo ce ne sia a sufficienza.
    Resta LeU, che è poi il partito che ho votato io, con un bellissimo programma e qualche faccia nuova, ma soprattutto in prima fila (grazie alla terribile legge elettorale a firma PD) facce vecchissime, il cui scopo principale è farsi eleggere, senza alcuna ambizione di vero rinnovamento, e senza una sincera autocritica per questi anni di supporto al renzismo (e ve lo dico io che li ho votati nella mia disperazione).
    Poi c’è PaP, ma spero non serva argomentare come le loro proposte forti (specie sull’Europa) o le posizioni discutibili (come sul Venezuela) insieme ai piccoli numeri previsti abbiano scoraggiato i molti.

    Quindi fate malissimo a chiedere perché la gente di sinistra ha votato 5S alla gente di sinistra. Chiedetelo al PD, chiedete perché ha smesso di adempire al proprio preziosissimo compito. Chiedete a Renzi, paladino del rinnovamento, dell’ecologia, della trasparenza e delle preferenze, perché ottenuto il potere ha tradito ogni promessa fatta e ha implementato invece politiche non diverse a quelle di Berlusconi. Chiedete al Partito Democratico, presentatosi alle elezioni nel 2013 con un programma, perché nei 5 anni successivi ha fatto tutt’altro. Chiedete loro come possono ritenere di aver fatto bene e di aver fatto abbastanza quando è così chiaro che il Paese dei miglioramenti che millantano non se n’è accorto. O forse chiedete loro chi è che sta meglio, perché potrebbe aiutare a capire chi è che invece meglio non sta.

    • x

      Lo vedremo a breve se i compromessi dei 5 stelle sono meno grossi di quelli fatti dal PD, la verità è che i 5 anni anni fa come oggi non c’era una maggioranza e senza accordi tra coalizioni differenti non si governa, che volete fare, volete votare ogni mese? Votiamo ogni mese allora. Poi sul PD e sulla sinistra, per carità, il PD ha fatto tanti sbagli, ha tante colpe, ma se non si vuol votare il PD perchè non è abbastanza di sinistra si vota qualcosa che sta più a sinistra o addirittura ci si astiene, votare qualcosa di peggio perchè il PD non è abbastanza a sinistra mi pare delirante, detto con tutto il rispetto, io non mi metto a sindacare sul voto di nessuno, ma sulle solidità della motivazioni che portano a certe scelte due paroline mi permetto di dirlo.

      • Matteo

        Mi scusi, devo essermi spiegato male.
        Il motivo per cui tanta gente di sinistra vota 5S, dal mio punto di vista, è che le alternative al momento non vengono ritenute credibili per vari (diversi) motivi.
        LeU aveva lo scopo primario di eleggere i suoi leader storici, come si è capito con la rottura con il Brancaccio, e comunque mezzo LeU ha sostenuto parte delle manovre del PD cui ora si vuole opporre. Io, che li ho votati, vorrei tanto sentirmi spiegare perché le hanno votate, o perché hanno fatto le liste in questo modo, ma so che non c’è risposta.
        Poi c’è PaP, ma capirà spero che la radicalità delle proposte (che condivido solo in parte) e la loro dubbia realizzabilità li condannava, almeno a questo giro elettorale, all’irrilevanza. Quindi non dico assolutamente che sia stato sbagliato votarli, ma spero che capisca che non erano la scelta adatta per molti.
        Fatte queste esclusioni mi sembra legittimo il desiderio di dare una possibilità a qualcuno che finora ha giocato sporco per arrivare al potere, ma potrebbe far bene una volta al Governo. C’è della roba stupida o che almeno non condivido nel programma dei 5S, ma anche tante idee interessanti.
        Quindi mi scuso ma davvero non capisco in che universo siano deboli le ragioni di votare 5S, e mi sembra molto fazioso sostenere che sia meglio l’astensione, come è fazioso dire che i 5S siano peggio del PD. Aspettiamo che facciano un accordo con la Libia e un Jobs Act pure i 5S, aspettiamo che facciano una legge elettorale incostituzionale, aspettiamo che intervengano contro gli “indecorosi”. Poi dormo che sono peggio, per ora è tutta fuffa non argomentata.

        Infine, mi perdoni, ma “peggio” non vuol dire niente. C’è gente del PD (tipo tutta la classe dirigente) che riesce a essere felice del jobs act e gente della Lega che è felice per Minniti, quindi è solo questione di punti di vista, di opinioni. E mi sembra che tutto questo odio verso i 5S sia frutto della gravissima dimenticanza che non esistono sempre giusto e sbagliato ma ci sono le opinioni di mezzo. Rispettarle davvero (e non dicendo “io rispetto il voto MA”) potrebbe essere una buona idea.

  • Daniele

    Perchè inevitabilmente nn si ha la maggioranza ma comunque abbiamo bisogno di un governo. Conquistare la camera e lasciare il senato (che ha funzione di controllo) era l unica opzione. Si è evitata una persona condannata, non credo si potesse fare di più.

    • Claudio

      Il senato ha quindi funzione di controllo… Certo, ognuno ha la sua Costituzione e così funziona tutto e si può giustificare tutto. Conoscere la Costituzione sarebbe un obbligo prima di scrivere commenti di questo tipo, ma non ho dubbi che Lei sia uno di quelli che al referendum ha difeso la “Costituzione più bella del mondo”. Che nel Suo caso, è la Costituzione che ha nella sua testa.

  • raniero

    i duri e puri non sono quelli che lo sbraitano ad ogni occasione ma quelli che davvero mettono al primo posto l’interesse della collettività, e non fanno compromessi per non perdere la possibilità del potere.
    Ma non sono loro i colpevoli bensì tutti i nostri connazionali che si sono lasciati ipnotizzare dal reddito di cittadinanza che forse ci sarà per casi limitati, certamente non per tutti.Intanto se si autoincensiano duri e puri oltre ai vitalizi devono ridurre drasticamente per legge, ripeto per legge, gli stipendi, le prebende, i compensi ( o come si chiamano ) e i rimborsi spese di tutti onorevoli e senatori, presidenti e accessori.Allora sì che sarebbero definiti FAUTORI DI UGUAGLIANZA nei limiti del possibile. Chi si presenta alle elezioni come candidati dovrebbe farlo per cercare di migliorare le condizioni sociali della società e ritenere un onore la loro elezione a onorevole o senatore.
    Utopia, utopia.

  • Eugenio

    Perché tutto ciò che è stato fatto, ogni scelta, ogni cambio di posizione, ogni proposta, ogni discorso, ogni comizio, ogni voto, ogni intransigenza, ha portato in cinque anni un movimento nato dal nulla, senza bisogno di enormi somme di denaro, composto da incompetenti, bibitari, nullafacenti, pericolosi eversivi, ad essere con uno stacco di 13punti il primo partito in italia, ad avere la presidenza della camera e chissà, forse ad esprimere il presidente del consiglio.
    Forse dovreste concentrarvi meno sulle loro incoerenze e più sui loro successi, sperando di incantonarli non grazie ai loro demeriti, ma grazie ai vostri meriti.
    Ogni scelta è stata giusta per il contesto e il momento in cui è stata fatta e li ha portati fin qui.

    • x

      Senza soldi permettimi di definirla una favoletta, il fatto è che sono soldi privati e non pubblici, non ci giurerei che questo quando si parla di politica sia un aspetto positivo.

  • lia Sellitto

    Sono pienamente d’accordo. I 5 stelle facessero un bagno di umiltà e di verità. Non si può essere paladini della legalità per poi accettare per interesse di sopravvivenza del movimento una candidata discutibilissima per onestà intellettuale, a fronte di posizioni intolleranti e gratuite verso persone di comprovata onestà quali Bersani e Grasso. Non si confonda la lana con la seta!

    • Angela

      L’amica dello “psiconano” pur di concludere per la poltrona che da duri e puri anelavano, è poi, dell’Italia co…ona che ce importa, c’hanno votato!Brava Lia Del lotto!

  • Gennaro Acerrano

    Lo confesso ho votato x i 5stelle, non me ne vanto e ne me ne vergogno, ma soprattutto non rompo i coglioni a chi non la pensa come me, e se l’ho fatto,forse le ragioni sono da trovare anche nel pensiero espresso in un post del Dottor Ferrini, oltre che alla speranza che qualcosa potesse cambiare https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1871016989617642&id=100001280764690
    Comunque sono deluso dal m5s, anche se me lo aspettavo, perché contro il “compromesso” non puoi vincere…d’altronde la politica è fatta solo di compromessi e se non hai il 51% sei costretto a scendere a Patti col diavolo. Su Grasso, invece non è proprio quel supereroe come lo avete dipinto…per informazioni chiedere al fratello di Paolo Borsellino.

    • x

      Salvatore Borsellino anni fa, polemizzò su alcune dichiarazioni discutibili di Grasso riguardanti l’operato antimafia di Berlusconi, ma non mi risulta ci sia altro, nel caso della trattativa stato-mafia ha affermato che Grasso è stato corretto e in seguito i rapporti tra i due si sono rasserenati, penso che una dichiarazione discutibile non sia sufficiente a rendere in qualche modo avvicinabili Grasso e Casellati.

  • Luigi

    Oggettivamente mi sento sempre più disgustato dalla politica italiana e dalla totale assenza di valori sociali sia da parte dei partiti ma anche da parte dei cittadini che hanno contribuito direttamente al risultato degli ultimi trent’anni. È evidente che gli italiani non esprimono il voto documentandosi sui programmi politici o sui valori, ma sono una massa di cialtroni media dipendenti, basta analizzare come buona parte di loro vota a seconda delle promesse presentate in campagna elettorale, prima a destra, poi a sinistra, poi il movimento e, se pur vero che il voto è uno strumento democratico ed è libertà decisionale di tutti gli aventi diritto esprimere la propria preferenza, non si può negare che la politica è diventata una becera tifoseria da stadio, dove ognuno si sente libero di insultare e aggredire chi la pensa diversamente. Questo paese era orgoglioso per essere stato un esempio di civiltà e progresso, patria di artisti, luminari della scienza e pionieri dell’industria, oggi è solamente un contenitore bellissimo ma colmo di ignoranti e dotti ammaestrati dal dogma bocconiano con la puzza sotto il naso che si elevano al rango di maestrini permettendosi di giudicare il prossimo senza conoscere realmente chi hanno davanti. Detto ciò, è inutile tergiversare su accordi politici o qualsivoglia iniziativa perché allo stato attuale il paese é ingovernabile e o fanno un accordo o il Presidente Mattarella divrà nominare un governo tecnico. Come la si gira e si rigira, le chiacchiere stanno a zero, l’attuale legge elettorale come le precedenti è scandalosa, sarebbe più sensato prevedere un sistema a doppio turno dove si vota solo il simbolo proibendo coalizioni di comodo e dove i primi 3 in ordine di risultato al primo turno vanno al ballottaggio con premio di maggioranza a chi ottiene la percentuale più alta. Inoltre andrebbe riformata la legge e la costituzione specificando che chi abbandona la barca in corso d’opera deve andare a casa e al suo posto entrare una riserva, invece oggi esiste la scappatoia ovvero il gruppo misto che gli garantisce la poltrona fino a termine del mandato. C’è poi una questione cruciale che riguarda il metodo del voto, ovvero l’impossibilità di tutti i fuori sede che per ragioni personali non possono recarsi nella macro regione di residenza, questi sono voti persi e sono oltre due milioni che da anni chiedono la possibilità di votare fuori sede, ma i politici di turno ignorano la richiesta. Quando poi ci sveglieremo e arriveremo ad avere la possibilità di votare online e tramite app con identità digitale, sarà sempre troppo tardi.

  • Rossella Catania

    Io non ho votato m5, perché non ho mai condiviso il loro programma, non mi piace il modo di reclutamento dei candidati e componenti del partito, fatto attraverso il blog, e a dir loro trasparente; parlano di onestà ingannando la gente, infatti, non devo scriverli i loro inganni, ma sono risaputi. Per ciò che riguarda, il si all’elezione della Casellati e il no a Grasso, se bene due persone molto differenti per il modo in cui nella loro carriera hanno servito lo Stato, dimostra, che tutto il loro gridare onestà è FUFFA. Oggi, si sono accordati per convenienza, io do una cosa a te tu dai una cosa a me, votando una signora dello staff di Berlusconi, e con tutti i benefici da lei ricevuti, ha dimostrato ancora una volta che il capo della destra è lui, quindi decide lui chi votare; colui che Grillo chiamava lo psicopatologia…

    gente

  • Anna

    Perché per il bene degli italiani era doveroso scendere a compromessi. Se avessero avuto il 40 %dei consensi, sarebbe stato sicuramente diverso. Ma i voti degli italiani, vanno rispettati anche se non ci piacciono. Berlusconi non avrebbe sostenuto il governo. Si sarebbe dovuto tornare alle urne. E non so quanto questo avrebbe fatto bene al paese. Stiamo a vedere se i grillini sapranno vigilare, poi magari potremo giudicare. Se il PD è così indignato nel dover accettare un esponente di FI, (che anche a me non piace per niente), forse avrebbe dovuto accettare la sconfitta e non chiudere le porte in faccia a tutti. A questo punto ci sarebbe stato un esponente di sinistra.

  • Tobia V.

    Perché all’epoca si cercava di ottenere una carica istituzionale in quanto seconda forza politica del Paese. I tredici M5S che votarono Grasso impedirono ulteriori trattative circa l’elezione di una figura più vicina al Movimento, se non del Movimento stesso. Questa volta l’M5S si è garantitola conduzione della Camera dei Deputati. Tra Romani e Casellati, meglio quest’ultima. Il PD (grazie al quale ancora oggi sentiamo parlare di Berlusconi) si è – non si capisce bene perché – tirato completamente fuori dai giochi. Non l’avesse datto forse oggi avremmo un Presidente del Senato come Grasso e non come la Casellati.

  • Piatto Romeo

    Purtroppo questi comportamenti fanno parte del momento politico che l’ Italia sta vivendo, e guai a noi se non fossimo capaci di vedere la deriva Democratica e Costituzionale , che il Governo che si vuol formare a Guida LEGA + 5 * , potrebbe far precipitare l’Italia qualora i Mercati e la BCE ci voltassero le spalle; (( auspico che il prossimo Esecutivo sappia trarre lezioni dal passato ))

  • Gigi

    Perché il centro destra aveva la possibilità dopo un certo numero di votazioni di eleggersi chi voleva. Per cui avrebbe avuto entrambe le camere e Romani al senato. Non hanno votato Grasso ma hanno votato la Casellati per opportunità politica. Solo opportunità politica che hanno ammesso. In 5 anni si impara purtroppo che la politica è fatta di compromessi. Poi hanno riconosciuto che il 36% degli italiani si rispecchia in quella scelta. Voi chi avreste scelto di Forza Italia meglio della Casellati?

    • Monica

      @Gigi: Non ho nomi da suggerire però mi rifiuto di credere che in FI non ci fosse un nome meno compromesso di questa Casellati. Gente onesta dovranno averla pure loro. Peccato che non la facciano emergere.
      E peccato che nessuno li costringa a farlo

  • Domenico

    I grillini da grandi “statisti” hanno iniziato ad adottare la “ragion di stato” …semplicemente, una volta giunti al potere si possono fare le peggiori porcate! E… siamo solo all’inizio!

  • Marzia

    CREDO CHE AVESSERO LE LORO BUONE RAGIONI Sia X Grasso, che come presidente del Consiglio, non e stato eccellente, che x la Sig.ra che ,pur aviodo ottime referenze Costituzionali, Non E Moralmente eccellente.

    • Valter

      Marzia che dice? Grasso non è mai stato presidente del consiglio, ma del Senato! E non è propriamente la stessa cosa

  • Davide

    In democrazia , almeno quella vera di dovrebbe dare una camera a chi vince ed una camera a chi perde
    Nelle ultime legislature mi pare che chi ha vinto si sia tenuto entrambi i posti
    Per quanto lei non piaccia nemmeno a me , a casa mia si chiama …..democrazia

  • Federico

    Cari voi che criticate vorrei farvi notare alcune cose:
    1) La situazione 5 anni fa era diversa. Anche le percentuali erano diverse.
    2) La coalizione di centro destra piaccia o non piaccia ha preso il 37% dei voti e di questo il Movimento ha dovuto tenere conto: in questi anni sono stati accusati di essere antidemocratici, per cui ora che hanno tenuto conto del fatto che il 37% ha votato centro destra almeno non potete più criticarli. O la democrazia vale solo quando vincete voi che avete votato PD, Leu o PaP?
    3) Preferivate Romani?
    4) Se voi che tanto state a criticare aveste votato 5 stelle invece di dare voti a partiti inutili i 5 stelle avrebbero potuto avere anche la Presidenza del senato.
    5) Questa legge elettorale con cui si è andati a votare è stata votata da tutti tranne M5S.
    6) La maggior parte di voi che sta criticando è la stessa che non ha gridato allo scandalo quando il PD ha governato con FI.
    7) Vi ricordo che il PD non è più un partito di sinistra da parecchio tempo.
    Per cui morale della favola invece di cercare la pagliuzza nel nostro occhio guardate la trave nel vostro.

    • Paolo

      1) ma il m5s è sempre quello che “noi siamo diversi e migliori”
      2) e quindi? il problema non è che il presidente del senato è di centro dx, ma che di fronte a un candidato agghiacciante nessuno abbia detto nemmeno “lo votiamo perché ci siamo accordati, ma non ci piace”
      3) non è che se davanti alla scelta cacca e merda dico “non mi piace la merda” preferivo la cacca
      4) lo dici come se fosse una cosa positiva
      5) certo, ha votato contro a qualsiasi cosa nella scorsa legislatura
      6) se hai la memoria corta il problema è tuo
      7) vero, ma questo non ha nulla a che vedere col discorso

  • TuaMadre

    Quello del Presidente della Camera/Senato non è un ruolo di governo e non ha alcun peso sulla direzione politica che prenderà il paese, dunque a partire dal momento in cui viene nominato il Presidente del Consiglio diventa un ruolo del tutto irrilevante. Paradossalmente l’elezione dei Presidenti di Camera e Senato gioca un ruolo di rilievo solo prima della nomina del PdC perché rappresenta una indicazione di massima rispetto alle possibili future alleanze di governo. In realtà chi davvero ricopre queste cariche non ha alcuna importanza di per sé, ma la loro elezione fa parte di un gioco strategico più ampio dal quale non si può prescindere specie quando i numeri del Parlamento non consentono di trovare facilmente una maggioranza. Dunque non è importante il nome dei Presidenti quanto il ruolo che le loro figure ricoprono nel gioco delle alleanze. Evidentemente Grasso non era funzionale alla strategia del M5S mentre la Casellati sì, anche perché l’alternativa era Paolo Romani e votarlo avrebbe significato rilegittimare Berlusconi. La Casellati è stata proposta da Salvini proprio per sparigliare il tavolo, dunque la domanda sarebbe “Perché la Casellati no e Paolo Romani sì?”.

  • Giovanna

    Nel Medioevo della politica, le 5 stelle brillano di luce scura. In questa epoca confusa, il movimento 5 stelle e chi lo ha votato, sono la più alta rappresentanza di questa confusione.

    • anna

      Piacerebbe anch a me che questa descrizione corrispondesse a una realta’, Ma a quale realta’ ? Quella di Grillo che va da solo in europa a stringere alleanze con l’estrema destra, mentre qui in Italia fa bere la favoletta che uno vale uno, e quasi quasi ci credono,mentre nessuno dei votanti sa la storia? I cinque stelle hanno mille facce e non ne hanno nessuna, dal punto di vista politico. E’ in questo modo che – chi studia storia lo sa- sono nate molte feroci dittature.

  • Andrea

    MESSAGGIO A QUELLI CHE “AVETE FATTO L’INCIUCIO”
    Ogni tanto la memoria andrebbe valorizzata per quello che è: l’unico mezzo per non commettere gli stessi errori del passato nonché per evitare di dire castronerie.
    Nel 2013 il MoVimento 5 Stelle fu il partito più votato d’Italia e non ebbe l’incarico di Governo perché il PD, in coalizione con SEL, ottenne qualche virgola percentuale più di noi. Nonostante quest’alleanza, un gioco di palazzo vide passare SEL (e il suo 2,qualcosa%) all’opposizione così da permettere al PD di dare la presidenza della Camera a Laura Boldrini e toglierla a noi, cui davvero spettava. Al Senato il PD si prese la presidenza con Grasso e comprò il silenzio del centro-destra dando due vicepresidenze a Gasparri e Calderoli.
    Nel 2013 quindi, l’accordo tra tutti i partiti non ebbe la finalità di far partire la legislatura secondo un principio di rappresentanza e rispetto del voto, ma l’esatto opposto, escludere in ogni modo il M5S.

    Oggi, nel 2018, proprio grazie all’ottimo lavoro di mediazione di Luigi Di Maio, si è riusciti a trovare la quadra tra le due Camere e assegnare le due presidenze, coerentemente col voto espresso il 4 marzo, alle due entità politiche vincitrici ovvero la coalizione di centro-destra e il M5S.
    Questo però non poteva significare che avremmo accettato qualsiasi cosa e così siamo riusciti anche a imporre un metodo e un livello qualitativo diverso dal passato.
    Abbiamo rifiutato a gran voce di riabilitare Silvio Berlusconi, come fece Renzi nel 2014, riferendoci solo a Matteo Salvini, vero vincitore nel centro-destra, e mettere veto su candidature non istituzionalmente degne in quanto persone condannate.

    Nessun inciucio, nessun patto col diavolo, solo una giusta e degna concertazione parlamentare tra le forze più rappresentative del popolo italiano.
    Stiamo già cambiando la storia d’Italia imponendo un rapido salto verso la Terza Repubblica, quella dei cittadini.
    Chi non lo capisce è chi stava bene nella Seconda Repubblica, ce ne faremo una ragione. Avanti così.

    • anna

      Nel 2013
      I 5 stelle hanno preso 8 milioni di voti e non hanno accettato di allearsi con la sinistra , intanto urlavano nelle piazze molti, molti “vaffa all’ inciucio” con una raffinatezza di stile che non sembrerebbe quella con cui scrivi tu, dato che scrivi in elegante italiano.
      Nel 2013, come ho commentato piu’ giu’, Grillo correva a fare patti con l’ESTREMA DESTRA inglese, con la rapidita’ di una questione di vita o di morte.
      Il patto col nazareno, per fare un esempio, mi sembra che risalga all’anno successivo, 2014. E che possa in piccola parte essere una conseguenza politica del NO categorico di un’alleanza 5stelle-pd. Perche’ non prendersi responsabilita’ di nessun genere, in politica, se come movimento ormai da anni sei sulla scena?
      Ora i 5 stelle volevano alleanza dal pd. No si commentano da soli i fatti?

  • Ivan

    È la logica conseguenza,di una legge elettorale,creata apposta per creare inciuci. Ringraziate i signori renzi e berlusconi (il minuscolo è voluto)

  • PapaHet

    Provo a rispondere seriamente, per quanto questa parola cozzi con tutto quello che riguarda il grillismo: Perchè Grasso era un candidato proposto dal Pd, partito con la quale non hanno mai condiviso nulla e dalla quale sono stati sempre molto distanti , perchè erano arrivati con la prosopopea dei duri e puri che non dovevano scendere a patti con nessuno, perchè a distanza di una legislatura il sottile confine che li divideva da un partito di centrodestra si è andato sempre più assottigliando, attuando una campagna elettorale “specchio” dove ognuno ci ha visto quello che gli conveniva vedere e perchè hanno capito che i duri e puri esistono solo nelle favole. Ergo la scelta di uno scempio umano come la Casellati che ha appoggiato tutto lo scibile inumano che ha riguardato il suo ex padrone pro tempore.

  • zorn

    Per beceri compromessi e accordi di potere.
    E fin qui tutto bene, domanda volta a sottolineare quanto male stiano iniziando, legittima e sacrosanta.
    Poi però una domanda sorge spontanea anche a me:
    Perché non vedo altre 128mila legittime e sacrosante domande rivolte ‘a voi che avete votato pd’ sul cesso imperiale che il pd è riuscito a fare in questi anni?

  • Davide

    Secondo me la soluzione è fin troppo semplice. Negli ultimi 5 anni hanno capito che senza compromessi non vanno da nessuna parte. E questo sarà solo il primo dei molti che vedremo.

  • Idali giorgio

    La situazione si è invertita, non mi pare che la sinistra abbia votato la Casellati o Fico, pertanto mi pare giusto, per un eventuale governo, appoggiare l’uno quello dell’altro. Come prima, da oppositori, si è votato contro Grasso e Boldrini, ora non mi pare infame votare a favore di chi, giusto o sbagliato, ha fatto il suo lavoro. Se un giudice è difensore di una persona penso venda anche l’anima pur di far assolvere il proprio cliente, quindi mi pare ipocrita candannarla. Poi non voglio difendere nessuno, ma fa parte delle regole.

  • Diego

    “cinque anni fa”…basta questo. Tutto il resto sono chiacchiere e sciocchezze da “bar dello sport”, e fortunatamente i partiti politici,come il resto delle forme di vita (Darwin insegna) evolvono, e forse dopo 5 anni hanno maturato la consapevolezza che “per governare e fare politiche efficaci” bisogna scendere a compromessi. La vita é fatta di compromessi. Chi nn scende a compromessi é sotto tutti gli aspetti un disfunzionale.
    Poi se vogliamo parlare solo sotto l’aspetto del ‘principo”, beh..vi lascio al PD, che “per principio” sta all’opposizione ancora prima di sapere che governo ci sarà.

  • Riccardo

    Parole sacrosante e teniamo conto che stiamo parlando della seconda carica dello statonon di in senatore qualsiasi
    Vergogna a 5 stelle!!

  • Andrea

    Forse perché la leadrship non è più di Grillo e quindi con leader diversi si hanno logicamente comportamenti diversi? Forse perché in 5 anni si può anche aggiustare il comportamento politico? Forse perché sbagliare è umano ma perseverare sarebbe diabolico? Forse perché pretendere lo stesso comportamento a distanza di 5 anni in contesti diversi è comunque sciocco? Forse perché così PD e FI sono evaporate, e quindi a prescindere da tutto la strategia politica è stata vincente?

  • Giuseppe Amato

    Perché sono degli emeriti stronzi, Bersani no Berlusconi si!Se nel 2013 l’interlocutore fesse stato Berlusconi e non Bersani avrebbero detto si per il bene degli italiani,ma essendo Bersani il No agli inciuci era irrinunciabilie.

  • Campanale Michele

    Penso semplicemente che chi ha sempre gridato: onestà, onestà, oggi non possa più fregiarsi di questo titolo, ed è il M5S. Il potere gli chiede sporcarsi le mani. È siamo solo alle battute iniziali.

  • Andrea

    Invece io ti faccio un’altra domanda perché Rodotà no e quel poltronaio di Napolitano si, che ha permesso di farci vivere anni con Renzi Berlusconi verdini Alfano.ti prego rispondimi

  • catello

    Questi signori,per modo di dire, hanno preso in giro gli italiani, sono i peggiori della storia repubblicana.
    Grasso, secondo qyesti soggetti non poteva svolgere le funzioni di presidente del Senato, mentre l’attuale presidente è stata votata all’unanimità nonostante i suoi trascorsi.
    È bravi !!!!!i 5 stella.
    È questo è solo l’inizio.

  • claudio

    vogliono provare à governare questo paese ,si saranno detti.ì se gli altri non si sono fatto scrupoli per fare inciuci pur di governare ,perchè sapendo che continuando con la loro linea integerrima non avrebbero in un paese marcio come l’italia fatto molta strada,comunque la prova del nove, è ora per me importante capire chi faranno ,ministro della giustizia ,e il ministro degli interni, qui si decide la veriticidà più seria di questi signori poi ognuno continuerà a pensarla come meglio crede.

  • Daniel Lawrence Amram

    bastava votare per Grasso…
    dove era il problema? L’Italia non ha votato per Grasso. Ha votato per M5S e per il centro destra. Ognuno si becchi quel che ha democraticamente voluto.. In USA Trump, in Russia Putin, da noi M5S e Salvini …

  • Fabrizio

    Perchè la politica è incontro d’interessi e strategia di potere, Grasso non rientra tra le pedine dell’asse Centro Destra-M5s che sta prendendo campo nel Paese e viste le incapacità, scorrettezze ed immobilismo dell’ultimo governo Pd, forse meglio così..la politica non perdona, quando perdi potere sei fuori!

  • Marco

    Perché cinque anni fa i 5 stelle decisero di non scendere a nessun compromesso con nessuno, e rimasero sulla linea dura. Sbagliando. Prova ne sono i 4 governi da nessuno votati, l’era Renzi, e tutto quanto avvenuto nell’ultimo lustro. Oggi hanno deciso di essere meno rigidi per mantenere la guida del paese, purtroppo però devono farlo con un gruppo che più che disonesti, pregiudicati e condannati non ha da offrire. La domanda non è perché oggi hanno detto sì, ma perché il 37% degli italiani ha deciso di scegliere una coalizione che di vero ha solo la disonestà, bloccando così tutti i processi di governo.

    • Giandomenico

      I governi,come ripetutamente precisato, non viene eletto ma l’incarico viene dato dal Presidente della repubblica..

  • Francesco

    Quando dalla protesta si passa alla prospettiva di proposta, cambiano gli approcci relazionali di chi si propone alla guida del paese: sì manda quindi in soffitta il Don Chisciotte della mancia e si rispolvera il principe del Machiavelli. Questo è anche un segno di omologazione all’unico insostituibile modo di far politica: la mediazione e la trattativa.

  • Franco

    Io credo che tutti i Governi vadano giudicati nei primi 100 giorni di carica. È dalle decisioni prese in questi primi cento giorni che si possono giudicare le priorità, i veri interessi, risposte alle promesse elettorali ecc.
    Questa della nomina della Casellati alla carica di Presidente del Senato è una toppa clamorosa, che non doveva accadere. Vedremo cosa succederà da qui in avanti!

  • Giandomenico

    Purtroppo la gente ragiona con la pancia e non con la testa. Questi sono i risultati salvo vedere questo nuovo cosa farà. Purtroppo chi finirà a pagare saranno sia quelli che li hanno votati che quelli che non li hanno votati.

  • Massimo

    Questa dpmanda la devi indirizzare ai 105, spno loro i veri destinatari di tal quesito.
    A volevoaggiungere che a continuate così, a porre domande agli altri e a non farle a voi stessi, non troverete alcuna risposta ma un grande silenzio.

  • Gianfranco Simone

    Grasso ringrazió Berlusconi per il suo impegno alla lotta alla Mafia e politicamente non dava nulla ai 5s .
    La Casellati è stata la scelta della Lega dopo il veto su Romani ai 5s interessava portare Fico alla Presidenza della Camera altre vie poi non c’erano .
    Infondo anche l’elezione della Casellati è ascrivibile al PD .

  • Guidama

    Invece di continuare queste ripicche che non portano da nessuna parte, non sarebbe stata un’idea più costruttiva proporre qualche nome condivisibile dai M5S. Il PD ormai in seguito alla batosta rischia di perdere completamente la testa. Per non parlare di tutti gli inviaci che hanno sottoscritti durante la segreteria Renzi.
    Un ex DS

  • davide

    Più che agli elettori dei 5 stelle, che sono i primi ad essere stati traditi con l’elezione della Casellati, questa domanda bisognerebbe porla ai vertici del M5s. Aggiungendo anche un’altra domanda, ben più fondamentale: ma voi non dovevate applicare la democrazia diretta? Avete consultato la base prima di fare accordi e di decidere di votare la casellati?

  • Francesco Di Puccio

    Se è da concordare il giudizio su Casellati, non altrettanto quello su Grasso per il quale, evidentemente, molti hanno la memoria corta. Di lui si ricordano principalmente l’azione di “sottobosco politico” per rubare il posto a Caselli all’antimafia e l’originale proposta di un non meglio precisato “premio” per Berlusconi per l’azione del suo governo contro la mafia. Sì, disse proprio per l’azione del suo governo “contro” la mafia, non a favore…

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2012/17-maggio-2012/fratello-borsellinograsso-ha-dettocose-gravissime-qui-non-piu-gradito-201223601646.shtml

  • Lucas

    Io grasso lo avrei votato. Parlo da elettore 5 stelle. Casellati e’ opinabile al confronto, ma questo compromesso permette di iniziare la vita parlamentare, dove il peso della volontà 5 stelle sarà, si spera, significativo.
    Per quanto riguarda il giudizio sul movimento 5 stelle…aspettiamo almeno di vederli in azione da protagonisti al governo, se si farà. Fico alla camera e’ strategico per il movimento.
    Speriamo in un mondo migliore, e’ gratis e fa bene

  • anna

    Poveri noi. Che poi tra i 5 stelle c’e’ gente molto orgogliosa, che non accetta di fermarsi a riflettere insieme, magari sa aggredire (purtroppo) bene e non si assume invece responsabilita’ politiche. Anche questo fatto che sotto votazione il movimento sia diventato europeista.., che diamine! I legami tra Grillo e Farage avviati nel 2013, con l’estrema destra inglese quindi, e quelli con l’estrema destra svedese, non erano stati giustificati col fatto di essere forti antieuropeisti? E se no da che erano motivati?

  • Gio

    Perchè Grillo è più abile di Mussolini … a trasformare i Radicali di sinistra in Radicali di Destra. Ora tutti volonterosi seguaci di Salvini. No global, no euro, no migranti .. eia eia .. e viva Trump !!!

  • Walter

    perche i tempi sono cambiati il m5*era una forza di opposizione…ora é il.primo partito..e deve governare ma nn avendo la maggioranza assoluta deve arrivare a dei compromessi.l”importante riesca ad attuare il programma sul taglio dei costi della politica e con.la lega questo e fattibile…x resto si andrà a nuove votazioni fra un anno ,sperando in una sinistra rinnovata ed unita ed f un Berlusconi fatto fuori grz alla leadership di salvini…tutto qui..

  • FabrizioPontoni

    In virtu del legittimo accordo con il centro destra avrebbero dovuto richiedere e dare una rosa di nomi sia per il senato che per la camera.
    Ma volevano assolutamente eleggere Fico alla Camera ed hanno quindi accettato un nome secco al Senato, purché non condannato.

  • Bruno

    Del resto perché Grasso è stato il primo a dire di fare L accordo con i 5S ? Evidentemente non se L era presa più di tanto…..

  • nico bottiglioni

    Perchè, come ha fatto adesso il PD, era giusto che non toccassero boccia e così fecero.
    Adesso che dovevano giocare e rispettare il voto degli Italiani (37% centro destra e 33% M5S) hanno preso la decisione (sacrosanta) di spartirsi le 2 camere con il centro destra vincitore (Salvini)
    E’ stato proposto al centro destra di fare un nome, Salvini ha detto a Forza Italia di scegliere uno dei suoi e così hanno fatto. Se poi in Forza Italia il migliore ha la peste, è colpa del M5S?
    Ora la faccio io una domanda: alla luce del risultato elettorale voi chi avreste eletto alla presidenza di camera e senato? e perchè?

  • Maria Grazia

    Mi sono sempre chiesta perché la sinistra non abbia fatto mai autocritica. E questa è la risposta. Hanno perso, dalle ultime europee, parecchi punti percentuali.
    Hanno votato, con l’appoggio di personaggi di indubbia moralità, riforme come quella del lavoro (abolizione dell’articolo 18 e riforma pensionistica per esempio) e soprattutto una legge elettorale che, ancora oggi non da la certezza della formazione dei rami parlamentari, e ancora pensate alla moralità del presidente del senato?
    Lo capite che sono proprio questa insofferenza all’autocritica che ci ha portato così in fondo? Abbiamo accettato ministri di destra, abbiamo dato alla destra il ministero degli interni pur di poter continuare a stare in parlamento, ed ancora stiamo a farci i panigirici mentali per capire il perché la sinistra del movimento ha votato con la destra? Allora non abbiamo capito che non vale più il discorso che chi nasce di sinistra, muore di sinistra. Altrimenti oggi come oggi saremo diventati il primo partito di sinistra d’Europa. Cominciamo a fare autocritica e riflettiamo sui nostri errori prima di vedere quelli degli altri.

  • Stefania

    Si, avete ragione. Io ho votato 5 stelle e mi sono venuti i brividi quando ho visto che votavano la Casellati. Poi però mi sono detta che questi sono gli “effetti collaterali” della politica a cui, chiunque voglia farla, si deve cedere. dopo 5 anni dentro il Parlamento in cui finalmente i 5 stelle da neofiti si stanno trasformando in politici, hanno imparato guardando gli altri partiti. Gli stessi che facevano gli accordi con B. o Verdini. Gli stessi che candidavano giovani ventenni con seni e facce rifatte solo perché amiche di qualche sporcaccione. Gli stessi che candidavano figli di banchieri che ogni volta che facevano una legge, questa veniva respinta dalla Consulta. Errare è umano, perseverare diabolico. Comunque io voto 5 stelle perché sono un nuovo che non so dove mi porterà, ma almeno mi da una nuova speranza di credere in una politica che ci tolga dallo schifo in cui i vecchi partiti e la vecchia politica ci hanno portati. Compreso il PD dei banchieri che ormai viene votato soltanto dai proletari di Milano o Roma centro.

  • Pippo

    Perché quegli scranni in parlamento sono così intrisi di comoda e rassicurante democristianite, che ci staresti seduto per anni.

  • Riccardo

    La domanda che chi ha votato PD si deve fare non è : Perché Grasso no e la Casellati sì?
    Ma soprattutto perché siete passato dal 40% al 19%?….forse molti del PD che non hanno letto o risposto a questo post lo sanno!!!
    Meditate gente meditate!
    C’è una bella immagine calcistica che vorrei far tornare alla mente…ricordate Totti quando si rivolse ai tifosi Juventini che persero 4-0 con la Roma….il gesto che fece!!! Ecco zitti e a casa!!!

  • Giilorgio Borrelli

    Hanno cominciato male i pentastellati,votando la Casellati a presidente del Senato.Finiranno peggio ora che dovranno allearsi con il centro-destra.Prepariamoci a fronteggiare un brutto periodo per l’Italia e per il Sud in particolare.

  • Francesca

    La giornalista omette o non ricorda che nel 2013, a parità di voti con il M5s, il PD si prese d’imperio ambedue le Presidenze e silurò uno dei suoi padri fondatori, Romano Prodi, con 101 franchi tiratori per la Presidenza della Repubblica pur di dare il via ad un Napolitano bis e tenere fuori dai giochi il M5s, motivo per cui Grasso non furono votato.

  • Victor Merello

    Forse la gente si era anche un po’ rotta le scatole di un PD abusivo al governo che è stato solo in grado di partorire il rosatellum che altro non è che l’ultima spiaggia per gli abusivi. Da abusivi totali ora si è passati agli abusivi di coalizione, una serie di partitucoli 10-12% che si atteggiano da 37% perché sono una coalizione (proprio come ai tempi di Craxi). Il patto con gli abusivi è inevitabile e questo grazie al PD (che ha pure perso) e allo schifo di legge che ha mandato avanti, peraltro con un referendum che ha detto chiaramente che gli italiani vogliono il maggioritario. Quello che non capisce la gente è che se non si votavano i 5 stelle o si cagava sulla scheda o si tiravano le uova a Roma direttamente. Se i 5 stelle non ci fossero quei voti pensate che ci sarebbero comunque per qualcun altro? Oppure è più lecito pensare che la maggior parte avrebbe buttato la scheda elettorale nel cesso?

    • valentina

      PD abusivo al governo? ohi genio a 5ztelle ti ricordo che nel 2013 quando voi griglioni sputaste in faccia a Bersani, il PD aveva le stesse percentuali vostre di oggi con la differenza che aveva GIA’ la maggioranza alla Camera. Ti ricordo ancora, genio, che i grillioni in parlamento volevano, come legge elettorale, un proporzionale puro. e hanno votato contro tutto. (anche le loro stesse proposte).
      Volete capirlo che con quel 32% non siete nessuno se non vi mettete in testa che da soli contate come il due a briscola?
      PS: ti faccio notare che è lecito pensare che un terzo degli aventi diritto di voto ha già buttato la scheda nel cesso…
      PPS: hai notato che il programma elettorale che avete votato sul blog è stato cambiato? LOL SVEGLIA11!!11 parlate di lobby e banche quando poi votate per una srl ahahahah

  • Vorresti saperlo?

    Scommetto che, se il M5S avesse votato per Grasso 5 anni fa,avreste avuto qualcosa da ridire anche su questo….purtroppo il cdx ha la maggioranza e il M5S pur di garantire una certa stabilità del governo (perchè per loro è più importante che i paese abbia un governo stabile) ha dovuto mettere da parte il disprezzo che hanno sempre avuto per persone come la Casellati…certo questo non sarebbe successo se i polentoni del cazzo (premetto che io sono nato a Padova e ci vivo) non avessero votato tutti la Lega o FI….se il M5S avesse avuto il 40% non sareste a scrivere articoli da 4 soldi come questo…per favore, smettela di lamentarvi sempre e andate a lavorare…

  • Olivia

    Quando saranno al governo c’è ne sarà anche per lei stai sereno!! Lasciamoli governare e resteremo tutti a bocca aperta

  • Giovanni

    Bhe… leggo nell’occhiello “rivista di satira” e come tale la prendo: satira! Comunque per tentare una risposta non comica alla domanda: “perchè Grasso no e Casellati si”? la risposta è fin troppo ovvia, siamo in democrazia e le regole di questo sistema parlamentare italiano obbligano a fare così, non le ha scritte il M5S. Una legge elettorale diversa dall’obbrobrio del Rosatellum avrebbe certamente dato una maggioranza certa evitando questi apparentamenti innaturali (legge per l’ elezione dei Sindaci o doppio turno alla francese tanto per dare un’indicazione, avrebbero funzionato a dovere). Quindi se si vuole attuare un cambiamento democratico, non traumatico nè “rivoluzionario” o quant’altro che non preveda la contemplazione del voto, le regole sono queste e con queste si gioca. Grasso ha qualche scheletro nell’armadio: ad esempio l’aver negato le autorizzazioni alle audizioni di Napolitano, Mancino, Giuliano Amato e altri sulle “trattative Stato-Mafia” al tempo degli attentati di via Palestro a Milano o dei Georgofili a Firenze. Non mi sembra cosa da poco…. che dire della Casellati? “tiene famiglia” e ha sistemato la figlia….. speriamo non faccia di peggio!

  • angelaniello miele

    Tu me daje ‘na cosa a me!… Io te dò ‘na cosa a te!!!… I grillini NON hanno accettato nessun compromesso fino a quando il compromesso stesso creava le condizioni favorevoli per i loro interessi!… Ma quale “honestà”?… Quale “uno vale uno”!… Andreotti sarebbe invidioso della bravura con cui hanno saputo “pilotare” le trattative!….

  • Paolo

    Leggendo questi commenti mi viene da pensare che… beh, proprio non va giù che 5Stelle e Lega abbiano asfaltato la sinistra. Ci provano in tutte le salse, con tutti i cavilli dialettici possibili per delegittimare un voto abbastanza chiaro e inesorabile. Ignoranti, stupidi, imbecilli… può darsi, ma uno steward ha lo stesso diritto di diventare presidente del Consiglio di un procuratore della Repubblica, di un sindaco o di un meccanico… così come una donna con la terza media di diventare ministro dell’Istruzione, perché, udite udite… è accaduto giusto una “sinistrata” fa. Ignoranti però sembrano essere solo gli avversari politici, e non perché realmente ignoranti, ma perché avversari. Datevi pace, recuperate i cocci e fate un piccolo bagno di umiltà.

    • valentina

      ti faccio notare, che numeri e percentuali alla mano, la lega (se parliamo di Lega) ha asfaltato sta minchia!
      è “solo” la terza forza politica. e senza FI oggi mr ruspa starebbe ancora a blaterare.

  • Giancarlo

    Premetto che non ho botato 5S, penso che la politica va contestualizzata (il 2013 non è uguale al 2018) e l’aumentato peso politico del movimento gli impone un cinismo tipico della politica nel momento in cui è in gioco la presa del potere

    • valentina

      importa tanto quanto sapere che il movimento è gestito da una srl. Quella di casaleggio e associati. che per altro si becca pure un pacco di soldi dai parlamentari. esticazzi

  • gianni quinzi

    come possiamo immagginare che un movimento gestito da un comico, condannato per omicidio colposo, possa far crescere questi piccoli uomini e donne? ci rendiamo conto che non capiscono niente di POLITICA, come possono gli Italiani ad aver fatto un sbaglio cosi enorme votandoli?ma la cosa peggiore è che a votarli sono stati anche (molti )falsi comunisti,vi dovreste vergognare,tra la Casellati e Piero Grasso,esiste una distanza enorme, nell’onesta politica e nel saper rappresentare la nostra Patria, quando li sento dire che saranno loro a cambiare il nostro Paese, ebbene la prima cosa che mi viene in mente è di lasciare l’Italia,

  • Paolo

    Tu dai per scontato che un elettore m5s sia d’accordo con ciò che i suoi rappresentanti stiano facendo.
    In ogni caso il pd ha rotto il cazzo. Diciamocelo.

  • Piero Dentella

    io ho sempre votato Prodi, dall’Italia che vogliamo, Ulivo, Margherita, e PD, sino al 2014. Poi 2015 e 2016 turandomi il naso. 2017 niente tessera; al circolo dissi: appena Renzi toglie il disturbo, se PD cambia linea, mi iscrivo di nuovo. Il guaio è che quello ha impestato di suoi fedeli segreteria PD, e Camere. Così, ha subito sancito: MAI coi 5St: vediamo come se la cavano. Ci han dato pochi voti perché stessimo all’opposizione! FALSO: chi lo voleva, è passato al 5St: chi ha votato PD sperava desse un appoggio esterno ai %St. per evitare che questi finissero in braccio alla Lega. Ora CASELLATI!! Si degnerà il PD di risponder a 5St x un Di Maio premier? O vogliono proprio Salvini??

    • valentina

      chi ha votato PD e per cinque (5) anni ha subito le peggio offese dai pentadementi tutti, secondo te voleva o vuole un appoggio esterno ai 5ztelle? e per far cosa? il capro espiatorio? ma va…

  • Isabella

    Mi schifo profondamente a leggere I commenti di gente disposta solo a giudicare… Avete rotto, purtroppo devo dire da cittadina italiana all Estero… Mi fate veramente schifo, l vostro atteg. Di schifo offensivo e brutale,contraddittorio e Solo verbale, ha rovinato il Mio Paese, Quello per il quale Sono scappata per poter vivere in Santa pace… MA leggere solo insulti mi fa capire solo una cosa: in Italia Quello che manca é la Volonta ‘ di sapersi migliorare… Di sapere cosa é il bene Comune, cosa é meglio per i nostri futuri bimbi. E non sono frustrata e basta, Sono insofferente anche, dispiaciuta che Cose normali all Estero siano ancora lontane dal Mio Paese, solo concentrato ad insultarsi inutilmente. Grazie di avermi letto Isabella

  • Tommy

    Casellari si perché ilM5S oggi fa il mazziere e quindi aveva tutto l’interess a nominare Fico alla presidenza della Camera senza nessun veto della Lega. Come in effetti è accaduto.

  • Marco

    Occorreva votare una forza davvero alternativa. Adinolfi è l’unica speranza di reale cambiamento! Vota Adinolfi, vota il Popolo della Famiglia!

  • Marcello

    Molti, forse tantissimi del m5* non conoscono la politica e le persone che siedono in parlamento. Comunque grasso come tutta la politica, ha pensato solo a mettere in tasca uno stipendio favoloso. A me sembra come tutti gli altri. Chi arriva alle poltrone diventa poi …….

  • max

    la politica è una scienza inesatta e il movimento 5 stelle fa politica. deve farla, ci mancherebbe, altrimenti tradirebbe le aspettative degli oltre 11 milioni di elettori che lo hanno votato.
    grasso no e casellati si ? queste sono ragioni assolutamente pretestuose. le ragioni di ieri nulla hanno a che vedere con quelle di oggi. e chi scrive questi articoli farsa lo sa perfettamente.
    quello che non sa… è che questa linea di condotta editoriale sortisce sue effetti:
    1) incattivisce chi già condivide questo tipo di pensiero, ottenendo solo che i (pochi) elettori dei partiti di sistema continuino a mordersi le mani impotenti senza tentare nemmeno di capire cosa gli sta succedendo intorno. quando lo capiranno saranno ridotti a numeri talmente risibili che la loro opinione potrà dirsi trascurabile.
    2) consolida e se possibile aumenta il consenso di chi ha votato di “rottura”. alle ultime elezioni il voto antisistema ha sfiorato il 60 % e i sondaggi confermano questa tendenza. forse un momento di riflessione scevro da queste continue e inutili polemiche servirebbe a far ripartire un idea che al momento sembra destinata a confinarsi nei sempre più rari salotti radica chic.

  • cb

    posso rispondere anche se non sono per i 5 palle?… lega e fivestars sono fondamentalmente simili: populisti e di destra, quindi è normale e nell’ordine delle cose che si stiano alleando. Grillo sta già dicendo che Salvini è leale e affidabile, quindi l’analisi è assai semplice! una bella coalizione neofascista e alè, è fatta 🙁

  • B

    Perche’ son passati 5 anni e la sinistra nn ci ha dato altra alternativa. Ha fatto crescer la destra poiche’ nn han avuto il coraggio o interesse a risolvere il problema dell’immigrazione, sicurezza dei cittadini e soprattutto creare lavoro con investimenti sull’industria italiana in Italia.

  • Giovanni

    Perché qui c’era un accordo per Fico alla Camera, mentre allora il Pd aveva voluto tutto per sé, in barba alle regole di buona democrazia, che regnavano addirittura con la ignobile dc (vedi Nilde Iotti presidente) e che solo con berlusconi, dal 94, erano venute meno. E il m5s, già nel 2013, era il primo partito (non contando i voti degli italiani all’estero, che abbiamo visto quale garanzia di espressione del voto ci danno).
    Su Grasso, poi, ci sarebbe da aprire un capitolo a parte, ma non è il caso in questa sede. Basta dire che Grasso non è stato Caselli, come magistrato.
    Inoltre, quale alternativa ha proposto il serio pd-ritirato-sull’albero-degli avvoltoi-lì-sull’Aventino?
    Brutta bestia l’accoppiata ideologia aprioristica e memoria corta.

  • girolamo galluccio

    Il popolo italiano è stato aizzato e turlupinato da pifferai comici, e da leghisti che chiamavano con disprezzo “terroni” la stessa gente che li ha eletti a paladini dei loro diritti. Credo fermamente che si debba fare un bagno di verità e onestà, per poter ritornare una Nazione di gente normale.

  • emanuela53

    Il politico Grasso ha una macchia indelebile, quando Caselli era a capo del Team Anti Mafia all’improvviso fu allontanato e sostituito Grasso, il governo quindi mise una sua persona perchè Caselli era troppo bravo e non scendeva a compromessi. Avrà arrestato i mafiosi e Provenzano, ma perchè il governo voleva solo quelli. Grasso è un uomo del sistema e fa credere di non esserlo.

  • Giuliano Corà

    Io “questi cialtroni” non li ho certo votati, ma la risposta è semplice: né M5S né Grasso, che è l’ennesima grottesca caricatura dell’idea di ‘Sinistra’.

  • Emanuela Benetti

    Rispondo alla domanda:
    Perché oggi sono in gioco posti di potere (che i grillini chiamano “poltrone”) che ha connotazione negativa quando sono occupate da altri mentre adesso è il popolo che chiede loro di occuparle!! Signori miei, così è sempre stato, benvenuti nella realtà ma, sappiate che esistono anche gli altri 2/3 degli italiani!

  • Giovanni Marinacci

    perchè erano altri tempi, c’erano altre maggioranze, altre persone e altri scenari in generale. O si fa stare in piedi un governo con i numeri usciti dal voto, o si fa un governo tecnico e se tutto va bene si tronerà a votare tra un anno, con tutti i casini che ne deriverebbero.

  • Orlando Ragnisco

    Non avendo votato cinque stelle non ti so rispondere.
    Vedrai comunque che non risponderanno nel merito, e diranno che chi ha incluso Verdini nella maggioranza non si può permettere di criticare. Dopo di che uno fa osservare che la scelta di Grasso l’ha fatta Bersani e non Renzi. E magari diranno: Si però allora Renzi e Bersani erano nello stesso partito. Nessuno dirà credo: Che c’entra, noi siamo degli anticomunisti viscerali. Non sai che la Raggi si è formata nello studio di Previti e che la Lombardi è una ammiratrice di Almirante?

  • Mario

    SI Grasso era una persona per bene però doveva rimanere al suo posto molto più importante che immischiarsi con questa politica.

  • Giuseppe Rago

    Innanzitutto, vorrei chiarire che, alla prima improponibile proposta del centrodestra (con cui era obbligatorio trattare per le nomine, non essendoci altri validi concorrenti) il M5s si è rifiutato. La contropartita era avere Fico alla camera, il chè significa riuscire a fare finalmente discutere le leggi di iniziativa popolare in parlamento, cosa di cui per 30 anni i governi che si sono succeduti si sono altamente sbattuti il cazzo. Tu non avresti accettato un compromesso “accettabilmente” inaccettabile? Ai tempi di Grasso, stavamo osservando con i nostri occhi la “svendita” di Grasso alle Lobby (perchè il PD rappresenta solo questo, ormai…), ed io appoggerei quella scelta ancora oggi!

  • Paola

    Avete ragione…una caratteristica dei 5stelle è di appoggiare oggi qualcosa e domani il contrario di essa.
    Come gira il vento direi.
    Come tutti gli altri quindi.
    Spacconi!