Quello che non vi hanno detto sulla legge di bilancio


di Alice Porta

Dopo un’estenuante corsa contro il tempo, lastricata di ostacoli messi lì apposta dai quei cattivoni dell’UE, il 30 Dicembre è stata approvata la legge di bilancio che è entrata in vigore dal 1 gennaio di quest’anno. Ho voluto andare a spulciarla (ognuno ha i suoi hobby) e ho trovato alcune cosette curiose.

 




Alcuni punti di questa legge fondamentale dello Stato, poiché definisce a chi e dove andranno i soldi delle nostre tasse e degli investimenti nel corso di questo anno, già si conoscono. Per esempio si sa che non hanno trovato posto la riforma delle pensioni (la famosa Quota Cento) e il Reddito di Cittadinanza: i soldi (pochi) sono previsti ma non si sa bene come e quando, per cui la materia verrà trattata POI. Peccato non aver avuto tempo per questi cavalli di battaglia, importantissimi per i cuori grillo-leghisti. Per fortuna, però, si è avuto tempo per prevedere la Pace Fiscale; ossia la rottamazione delle cartelle esattoriali e un più agevolato rapporto tra il fisco e i debitori: cancellata, infatti, la norma che prevedeva il carcere per i grandi evasori, anche di questo si parlerà POI. Hanno detto.
Non solo i grandi evasori, comunque, vedranno assottigliarsi le loro cartelle esattoriali: sono cancellate tutte le multe e i bolli auto non pagati dal 2000 al 2010. Non ha nessuna logica, sostengono, aspettare dei soldi che non arriveranno mai, con buona pace di chi ha pagato tutto e in tempo. In compenso, però, pare abbia molto senso aumentare le tasse (raddoppiare, anzi, dal 12% al 24%) per gli istituti di assistenza sociale, fondazioni benefiche, ospedali e scuole che lavorano senza scopo di lucro. In sostanza si tassa il volontariato, lo chiariamo per i leghisti che stanno leggendo. I compagni grillini questo già lo hanno capito e storcono il naso: cioè hanno firmato però non sono convinti, è ingiusto e lo cancelleranno, però intanto lo hanno firmato. Quindi nel caso vi piacesse l’idea di avviare un progetto sociale per aiutare italiani in difficoltà, ora come ora, non vi conviene. Non sapete cosa fare nel tempo libero? Il buon Governo ci ha pensato: il canone Rai è stato abbassato di 10 euro, potete benissimo starvene a casa a guardare le TV in tutta serenità.
Per il nostro Governo è anche importante come mangiamo: iva agevolata a chi produce pane&affini con saccarosio, grassi e oli industriali, cereali in granella intera e erbe aromatiche. Va un po’ meno bene per chi va a funghi: gli verranno tolti 100 euro all’anno. Perché è giusto così.
Siccome il Belpaese è uno Stato pieno di  mari stupendi che appartengono a tutti è stato ritenuto giusto agevolare anche chi possiede stabilimenti con ombrelloni: pagheranno meno tasse e le concessioni sul suolo pubblico dureranno di più. Quindi anche le vostre estati sono sistemate, soprattutto se siete liguri: vi conviene andare in spiaggia perché a voi, e soltanto a voi, le accise sulla benzina aumenteranno di 5 centesimi per litro. Niente più ponte, che vi serve la macchina? Se siete di Roma, invece, tutto ok: la legge di bilancio prevede 40 milioni per coprirvi tutte le buche.
Resta il bonus cultura (500 euro da spendere in materiale scolastico, libri, musica e concerti) per i nostri giovani e siamo sicuri che basteranno visto che sono previsti tagli:
– per le Ferrovie dello Stato (a scuola ci vai a piedi o in macchina, ammesso tu non sia ligure ovviamente) – per i tirocini, gli apprendistati e gli stage. Nessuno, inoltre, verrà assunto nei Ministeri e nelle Università fino alla fine del 2019. No, non vi potete drogare per la disperazione perché sono aumentati i fondi per la lotta alle droghe tra i giovani. Però potete bere: tagli di oltre il 40% della accise per i micro-birrifici.
Se non sapete che lavoro far fare ai vostri figli, sappiate che sono previsti fortissimi aumenti nelle assunzioni dei poliziotti: il problema sicurezza è molto sentito, soprattutto per colpa dei migranti che non si integrano, dicono. Per questo motivo, nonostante una diminuzione costante dei reati, il 10% in meno ogni anno e quasi tutti commessi da italianissimi, sono previsti tagli totali a tutti i progetti di inclusione, coesione e gestione degli stranieri.
Ma più di tutto vi sconsiglio fortemente di intraprendere la carriera militare: tagli importanti per il nostro esercito ma senza ripercussioni sulle assunzioni. In sostanza i soldati saranno moltissimo ma pagati molto meno e speriamo non se la prendano, visto che sono armati.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *