Il Papa, i gay e la psichiatria 5


Dice Papa Francesco che per i bambini gay ci sono tante cose da fare con la psichiatria. Io non sono un esperto di figlioli ma da piccino, come tutti, chiesi ai miei genitori come nascessero i bambini e mi accorgo soltanto adesso che mi dimenticai di domandare come nascono gli omosessuali.

 




No perché mi par di capire che alle sane famiglie tradizionali una cosa del genere non possa assolutamente accadere, quindi ci deve essere un’altra spiegazione. Da dove arrivano? Bisogna trovare la sorgente, il nido, l’alveare, insomma la fabbrica, perché stanno aumentando a dismisura e anche questo è un bel mistero perché non possono riprodursi fra di loro, sicché ci dev’essere per forza un posto nascosto dove li assemblano. Stai a vedere che li fa Di Maio con la stampante 3D. È una questione di coscienza, disse Renzi sulla stepchild adoption, e lì il PD si divise fra quelli che la coscienza non ce l’avevano mai avuta e quelli che l’avevano persa alleandosi con Alfano. È una questione di coscienza, ribadì Grillo, parlando della sua. E state attenti a non sciuparla, perché dopo questa non ve ne do più. C’è da dire che le argomentazioni degli omofobi sono fantastiche. La prima, generalmente, è che un ragazzino gay sarebbe discriminato dai figli degli etero, che è un ragionamento davvero geniale, infatti se un figlio di neri viene emarginato da una classe di bianchi si interviene immediatamente per togliere il bambino alla famiglia e darlo ad una coppia di svedesi. Altro pericolo incombente è che i figli dei gay diventerebbero a loro volta gay. Curiosamente però i figli degli etero non sono tutti etero e soprattutto non si capisce cosa ci sarebbe di così drammatico se smettessimo di sfornare esseri umani, quasi fossimo pochi e mancassero i bambini da aiutare. E in mezzo a questo inutile teatrino di chi vuole piegare la realtà alla sua personale visione del mondo, ci sono pure quelli che ti chiedono come mai te la prendi così a cuore; forse perché in 78 paesi nel mondo l’omosessualità è ancora considerata un reato e in 7 di questi è punita con la pena di morte. Forse perché il democraticissimo Putin ha approvato una legge che punisce “la propaganda dell’omosessualità” con multe fino a 500.000 rubli. Magari perché ogni anno non si contano le aggressioni e gli omicidi di omosessuali e donne transgender. Su una cosa però il Papa ha ragione: c’è davvero bisogno di cure psichiatriche, infatti in Italia il 30% delle persone gay e lesbiche pensa almeno una volta al suicidio e una bella terapia farebbe davvero comodo. Ma mica a loro, a coloro che li portano a pensarci, incluso il modernissimo e ganzissimo Papa Bergoglio.   

Ettore Ferrini

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 commenti su “Il Papa, i gay e la psichiatria